19th Gen2017

Intervista con Matthias Titus Paar

Intervista esclusiva con il regista di The Perfect Weapon, Matthias Titus Paar.

1. Puoi raccontarci qualcosa su di te? Come sei entrato nel mondo del cinema?
Provengo dalla Svezia, fin da piccolo ho iniziato a guardare i film degli anni 80 con Arnold, Van Damme e Seagal e sognavo un giorno di farlo io stesso. Nel 1999 all’età di 15 ho girato il mio primo film. Da allora ho lavorato in circa 7 altri film, 40 cortometraggi, probabilmente quasi 500 spot pubblicitari e tonnellate di video musicali. Io vivo e respiro cinema.

2. La tua carriere si svolge principalmente in Svezia. Come sei stato coinvolto nella realizzazione di The Perfect Weapon?
Sono stato contattato dai produttori di The Perfect Weapon che già da qualche anno seguivano i miei progetti e ho diretto il fantasy The Legend of Dark Rider. Questo è stato sufficiente per loro per portarmi a Hollywood e chiedermi se volevo dirigere Seagal in un film. Sembrava pazzo dire di no.

3. Steven Seagal era stato scelto anche come regista, come sei entrato in contatto con Steven?
Steven era stato ingaggiato prima di me, voleva essere a capo di tutto per un pò ma ne abbiamo parlato apertamente, in effetti non volevo vederlo diventare una macchina per uccidere qualcosa come 30 persone in una scena di sesso in una doccia.
Ma potevo essere generoso e immaginarlo come un dittatore complesso e pensare che sia grande come regista. E’ un qualcosa di nuovo che si adatta alla sua età e al tipo di corpo. Questo è il tipo di ruolo che dovrebbe fare, la gente ha bisogno di andare oltre il fatto che sia ingrassato, lui ha più di 65 anni, io ne ho 32 e sono paffuto.

4. Qual è  il bilancio di The Perfect Weapon e qual’ è stato l’aspetto più difficile di questo film?
Ho visto molti numeri nel bilancio da 3 a 8 milioni. Ma il vero bilancio è stato 1.8 milioni.
Tutto era difficile in questo film, troppo poco denaro, troppo poco tempo, 280 scatti VFX, grandi scene d’azione e l’intero aspetto Sci-fi. Ecco perché ho ottenuto il lavoro, nessuno negli Stati Uniti potrebbe rendere allo stesso modo. Ma io sono una macchina che può fare grandi cose con poco, nulla mi può fermare.

5. Qual è stata la tua esperienza nel lavorare con Steven e quanti giorni lui è stato sul set? Si dice che non sia facile lavorare con lui.
Ho vissuto con Seagal in Cina per una settimana prima delle riprese, stava girando Chinese Salesman, ma non aveva compreso bene il genere di filma. Ha passato una settimana sulla  sceneggiatura perché gli piaceva la storia e il messaggio.
Può essere molto difficile lavorare con lui se non si sente trattato bene. Steven ha avuto la possibilità di eseguire la sua lotta che ha coreografato con me e ha anche insegnato giapponese alla ragazza che interpreta Kyoko che era cinese. Ho avuto modo di conoscere la merda quando si lavora con Seagal e abbiamo mangiato quella merda. Mi dispiace ammetterlo ma ho anche lavorato con gli attori di gran lunga peggio di lui. Non ti annoi mai quando corteggi Seagal, lui mi piace. E’ esattamente come ti aspetti che lui sia.

6. Puoi illuminarci sulla realizzazione di un film DTV? Che tipo di problemi si hanno quando si effettua questo tipo di film (budget, giorni)?
Non l’ho mai visto come un film DTV, volevo solo fare un fresco omaggio ai B-movie d’azione includendo tutto quello che potrebbe piacermi come se fossi un bambino. E flirtare con riferimenti alla cultura pop in ogni scena. Cast Vernon Wells da Mad Max, Richard Tyson da Kindergarten cop, e così via. Volevo che fosse tagliente e con un tocco moderno, ma contemporaneamente farlo sembrare come se fosse  stato fatto negli anni 80-90. il DTV ti dà limiti con soli 19 giorni di riprese e 1,8 milioni di bilancio quando servirebbero 30 giorni e 5 milioni ma devi liberarti del preconcetto legato al modo in cui si possono fare cose per un pubblico più piccolo. L’ho fatto per i tifosi Seagal e i fan dell’era dei B-movie anni 80-90. Altre persone si chiedono il motivo per cui questi film non ottengono la stessa considerazionedi di uno Spiderman. Ma qui cazzo, l’obiettivo era quello di rendere l’ultimo omaggio ai B-movie. si tratta di un divertente film da popcorn e niente di più.

7. C’è qualcosa che avresti fatto diversamente per quanto riguarda la riuscita di The Perfect Weapon?
Avrei voluto che la commercializzazione fosse fatta in modo da riflettere l’omaggio ai B-move, non tutti l’ hanno capito, la rabbia su internet è una lettura divertente.

8. Quali sono state le tue esperienze nel garantire la distribuzione per il film? Forse il fatto che Seagal abbia girato diversi film allo stesso tempo ha fatto male alla vostra distribuzione, dato che c’erano così tanti film che lo vedono a AFM e Cannes, allo stesso tempo?
E’ stato venduto prima di essere fatto e finanziato al 50% da Eone quindi hanno delle ragioni che non ci riguardano affatto. Il film ha già incassato oltre 2 milioni quindi stiamo facendo bene. Ma questo è il motivo per cui nessun film Seagal ha e mai avrà un budget sopra 4-5 milioni. Il suo valore purtroppo non è più quello di una volta. Così sarà fino a quando noi registi dovremo rendere fruttosa la merda che ci viene data.

9. Ti piacerebbe lavorare con Seagal di nuovo e quali sono i tuoi attori o stelle con cui desideri lavorare in futuro?
Stavo per dirigere il suo film Cypher, ma era troppo costoso e nessuno lo avrebbe finanziato sopra i 5 milioni, quindi mi sono dedicato ad altre cose. Avrei ancora il desiderio di lavorare con Arnold ad un certo punto della mia carriera. Per Seagal vedrei sicuro qualcosa di diverso, come un film di samurai ambientato in Giappone, con lui come un maestro anziano o qualcosa del genere. Non come il tipico film d’azione americano che fatto negli ultimi 20 anni.
Stavo per fare anche The Perfect Weapon 2: La rivolta ma lo lascio che a qualcun altro. Io immagino ancora me come regista per una volta con Seagal VS Lundgren o con Rutger Hauer per creare un omaggio Blade Runner.

10. Quali sono i tuoi progetti per il futuro e i nuovi progetti all’orizzonte?
Sto lavorando a Gravità Zero ora, stesso manager di Kevin Costner, Ho altri 5 progetti in conto tra cui un film da 15 milioni e sono pronto a conquistare il mondo.

08th Gen2017

Intervista a Steven Seagal per Action Movie Magazine

L’ attore di Hong Kong Bryon Mann ci parla di Steven Seagal:

Come hai trovato a lavorare con Steven nel film Belly of the Beast?

Nel corso degli ultimi anni Steven sembra avere acquisito una reputazione “difficile”,lui è un tipo interessante, molto intelligente e non tollera volentieri gli sciocchi.
Lui sa quello che sta facendo, ed è molto consapevole di quello che sta succedendo.
Mi è piaciuto lavorare con lui, ce la siamo cavata abbastanza bene sulla pellicola.
Io rispetto quello che fa e lui era molto rispettoso verso di me, credo inoltre che i nostri personaggi giochino abbastanza bene a vicenda, c’è una bella dinamica tra di noi nel film.

Come è stato lavorare con Ching Siu-tong di nuovo? Lui e Steven hanno raggiunto un compromesso tra i loro stili di azione specifici?

Lo stile di Steven è sempre stato basato sul realismo mentre Ching è molto più orientato sul lato più spettacolare e teatrale delle arti marziali.
Dal filmato che ho visto il film sembra fondere i loro due stili.
E ‘stato un vero privilegio poter lavorare con Ching Siu-Tong e la sua squadra di nuovo in questo film.
Ho avuto un’esperienza positiva nel lavorare con loro in Invincible in Austraila.

Tony il regista sa come ottenere il meglio nel reparto di azione ed è in grado di gestire il lato drammatico delle cose abbastanza bene.
E’ stato interessante vedere Tony e Steven lavorare insieme, hanno stili molto diversi di azione ma anche il loro modo di lavorare.
Tony ha davvero un forte background nelle arti marziali cinesi e sa come farlo sembrare spettacolare sullo schermo, Steven ha un approccio diretto e più realistico.
Penso che le persone stanno credano davvero in quello che è stato messo su schermo.
L’azione del film inizia in modo realistico, Steven ed io siamo agenti della CIA, ma come si sviluppa la storia e certe che cose cominciano ad accadere spiegano perché l’azione durante le scene di arti marziali diventi più sgargiante e spettacolare.
Steven arriva a combattere corpo a corpo, fa uso di calci e partecipa ad un sacco di scontri a fuoco  nel corso del film.

27th Nov2016

Intervista a Steven Seagal

Intervista di Stanley Weiser al Maestro Steven Seagal Shambhala Sun, Novembre 1997

steve-seagalStanley Weiser: Per comiciare, potresti dire ai nostri lettori qualcosa
sulla tua preparazione nell’arte marziale dell’Aikido—per quanto ti sei allenato, chi sono stati i tuoi maestri, e quando sei diventato tu stesso un maestro?
Steven Seagal: Beh, un piccolo maestro—e sulla carta—un titolo che probabilmente ho ricevuto all’inizio degli anni 80. Ancora non ci credo di essereo arrivato al livello di maestro. Probabilmente qualcuno pensa che io sia un maestro, ma nella mia testa non lo sono di sicuro.
Stanley Weiser: Quando hai cominciato ad allenarti in Aikido?
Steven Seagal: Nella metà degli anni 60 ho cominciato ad allenarmi con Ishisaka Kiyoshi.
Stanley Weiser: Che stile di Aikido seguiva?
Steven Seagal: Esiste solo uno stile. Dico questo perché le persone che erano a contatto con Ueshiba Morihei, il fondatore credono che se qualcuno sta praticando un altro stile, non dovrebbe chiamarlo Aikido. Per me questo è l’Aikido perché questo è ciò che lui inventò.
Stanley Weiser: Hai avuto una relazione di tipo spirituale o d’amicizia con lui come insegnante?
Steven Seagal: Non ho studiato con lui tenendolo per mano o cose del genere. Il massimo che ho avuto è stato ascoltarlo a lezione.
Stanley Weiser: Ti sei avvicinato al Buddismo a causa della disciplina nelle arti marziali?
Steven Seagal: Beh, ad essere onesti non ne sono sicuro. Sono nato con una forte coscienza spirituale e per molti anni ho studiato diversi percorsi. Mi sono trasferito in Giappone alla fine degli anni 60 ed lì ho cominciato con la meditazione Zen. Ho visitato monasteri studiando il Buddismo e ricevendo un’educazione spirituale. Questo è stato il mio inizio, quello che pensavo fosse giusto—lo sviluppo della parte fisica tramite le arti marziali coltivando il lato spirituale simultaneamente.
Stanley Weiser: Hai anche studiato agopuntura?

Steven Seagal: Si. E’ stato ciò che mi ha portato poi al Buddismo tibetano. C’ra un gruppo di lama arrivati dal Tibet. Erano malati ed erano stati torturati. Dato che studiavo agopuntura, mi fu chiesto di prendermi cura di un paio di loro, anche se non parlavo tibetano. Alla fine riuscivamo lo stesso a comunicare. Imparai un po’ di tibetano e strinsi un forte legame con essi.Più tardi sono stato coinvolto in certe cose che non sono proprio del tipo che ricordi con affetto.

E’ accaduto al tempo in cui i Khampas erano ancora in guerra con i Cinesi e la CIA li aiutava; a causa della forte repressione contro i tibetani, avevo voglia di contribuire. Steven-Seagal-1-300x202Il mio coinvolgimento però fu minimo. E’ stato in quegli anni che il mio interesse per il Buddismo tibetano fiorì, ma il mio coinvolgimento in qualunque tipo di addestramento spirituale rimane una cosa personale—non segreta come altre cose, ma solo privata. In quel periodo avevo voglia di essere invisibile il più possibile nella comunità del dharma,
per molte ragioni. Sono uscito allo scoperto solo di recente.
Stanley Weiser: Puoi dirci qualcosa sul tuo coinvolgimento con i combattenti per la libertà del Tibet?
Steven Seagal: Forse è meglio che lasciamo perdere con quell’argomento. Cerchiamo di vivere in un mondo in cui possiamo scegliere la via di mezzo e cercare l’armonia, ed io non voglio dare l’impressione di un pericoloso rivoluzionario, perché in realtà non lo sono. Io sono su questa terra per un motivo e cioè per vedere se riesco in qualche modo a servire l’umanità ed alleviare le sofferenze degli altri.
Stanley Weiser: Chi è stato il tuo guru?
Steven Seagal: In genere per me Sua Santità Dilgo Khyentse Rinpoche è stato il più grande, ed ora ho una devozione molto forte verso Minling Trichen e Sua Santità Penor Rinpoche.
Stanley Weiser: Ci risulta che di recente Penor Rinpoche ti ha riconosciuto come tulku. E’ vero?
Steven Seagal: Addirittura! Io non la metterei in questo modo. C’è una rivista poco rispettabile che mi ha accusato di dare tangenti a Penor Rinpoche e tutti gli altri lama principali per farmi avere quel riconoscimento. Beh, prima di tutto, questo è un riconoscimento che la gente mi ha dato da più di 20 anni a questa parte, gente che mi conosce nel dharma da molto tempo, molto, molto prima che Penor Rinpoche l’abbia mai formalizzato. E’ stato qualcosa che ho sempre tenuto segreto e nei fatti negato. Perciò se allora lo negavo, perché mai avrei dovuto versare tangenti per averlo ora? Vedi perché è un gran peccato? Non mi interessa se mi insultano, ma è una vergogna che la gente scandalizzi il dharma e parli male di Penor Rinpoche ed altri alti lama Nyingma.
Stanley Weiser: Vuoi dire che per venti anni ti è stato detto che è probabile che tu sia un tulku?

Steven Seagal: Ci sono persone che mi hanno detto che io sono la reincarnazione di un lama, cioè un tulku. Penor Rinpoche mi ha in pratica riconosciuto come Kyung-drak Dorje, che è la reincarnazione del traduttore Yudra Nyingpo. Secondo “Le vite dei Tertoni” di Jamgon Kongtrul, Yudra Nyingpo era un discepolo del grande traduttore Berotsana e divenne sia un grande studioso che un esperto maestro di meditazione. Molte delle sue reincarnazioni, come il traduttore di Minling, Lochen Dharma-shri, hanno dato un forte contributo al Buddismo e sembra che sia rinato in molti “tertoni“ (rivelatori di tesori).
Stanley Weiser: Hai ricordi delle vite passate?
Steven Seagal: Da quando ho cominciato ad andare in India ed a meditare, ho cominciato ad avere dei ricordi poco chiari. Proprio qualche giorno fa, ero in meditazione con un lama ed una delle cose che mi ha detto è che io ho forti impronte di molte delle mie vite passate e quindi la mia realizzazione di ciò sarà per me più rapida che in altri.
Stanley Weiser: Che intendeva dire con questo?
Steven Seagal: Non è facile spiegarlo. Ma con qualcosa come “ngondro”, se si pratica e si pratica e ci si dissolve nel vuoto con la pratica concentrandosi sul bodhicitta più di ogni altra cosa, si può cominciare lentamente a dissolvere il velo su cosa pensiamo di essere, qual’è la nostra vera natura, cioè la combinazione di tutte le nostre vite. Dobbiamo solo ricordarle. E’ in questo che il ritiro è benefico. Naturalmente, praticando più a lungo, si possono sviluppare diversi “siddhi”. Ma nessuno di essi è davvero importante. Ciò che importa è quello che facciamo della nostra vita. In contrasto con ciò che disse quella rivista, tutte le volte che qualcuno mi ha chiesto se io fossi un “tulku” ho sempre risposto che non credo sia importante chi ero nelle mie vite passate. Penso sia importante chi sono in questa vita. E quello che faccio in questa vita è importante solo se riesco ad alleviare le sofferenze del prossimo, se posso in qualche modo fare del mondo un posto migliore, o se servo il Buddha e l’umanità in qualche modo, se riesco a piantare il seme di “bodhicitta” nel cuore della gente.
Stanley Weiser: Quindi, contrariamente a quello che pensa tanta gente, che questo riconoscimento sia stato una scoperta improvvisa, si è invece sviluppato durante un lungo periodo di tempo.
Steven Seagal: Oh, ho continuato a meditare seriamente nel mio modo pietoso forse per ventisette anni.
Stanley Weiser: E’ un bel po’ di tempo. Gli studenti si rivolgono a te usando un qualche titolo speciale?
Steven Seagal: La gente mi chiama in molti modi, comprese le parolacce. Rispondo a tutti. Quando entro in una stanza alcuni vedono un cane, altri una mucca; io sono ciò che vedono, è la loro percezione. Ma io credo che la natura del Buddha sia in tutti noi, anche in un cane rognoso che giace in una fogna pieno di pulci. Quel cane per me è Buddha. La gente mi può chiamare come vuole, risponderò a tutto.
Stanley Weiser: Hai tenuto un discorso pubblico a Santa Barbara di recente?
Steven Seagal: Ho fatto delle lezioni recentemente. Sempre sugli insegnamenti del Buddha. Il Dalai Lama mi ha detto di concentrarmi sul “bodhicitta”. E’ questo che mi piacerebbe fare.
Stanley Weiser: Il Dalai Lama ti ha dato istruzioni personali su cosa insegnare?
Steven Seagal: Non direi che mi ha dato istruzioni personali su cosa insegnare. Mi ha dato istruzioni personali e mi ha invitato a lezioni tenute da egli stesso. Spero anche di studiare con Trichen
Rinpoche e Penor Rinpoche—sono alcuni dei lama che penso siano insegnanti eccezionali e grandi maestri, e sono molto fortunato a poter ricevere da loro ogni tanto. Meditando con loro spero di poter assorbire la conoscenza e la saggezza necessarie per poter trasferire qul poco che ho ad altri.


Stanley Weiser: Quando sei diventato una star cinematografica, in che modo questo ha influenzato il tuo ego? Hai perso il controllo? Sarà stato difficile seguire gli insegnamenti considerando che venivi adulato e/o oltraggiato.
Steven Seagal: Anche quando ero in Giappone, la gente cercava di sfidarmi, e la ragione per cui me ne andai fu che la deificazione è davvero una trappola mortale. Perciò in America ho tenuto per me la mia pratica spirituale. Non penso che la deificazione sia stato un grosso problema nella mia vita perché sono abbastanza fortunato da aver capito molto tempo fa cosa davvero significhino l’adorazione ed il potere. Penso che l’ostacolo più grande sia stato solo il non riuscire a capire la via
Stanley Weiser: C’è uno slogan buddista che dice “lavora prima alle contaminazioni più grandi” Qual’è la più grande contaminazione che hai dovuto affrontare in questa vita?
Steven Seagal: Non capire davvero la differenza tra il desiderio di perfezione spirituale per il beneficio di tutti gli esseri senzienti ed il nutrire spiritualmente me stesso.
Su questo punto ero confuso da giovane: pensavo che se mi fossi potuto nutrire spiritualmente fino ad alti livelli di realizzazione spirituale allora avrei potuto fare cose più grandi nel mondo e sarebbe stato un bene per me e per gli altri. Ero semplicemente troppo ignorante e stupido per capire che la base da cui dobbiamo partire è il primo ed il più importante beneficio di tutti gli esseri senzienti. E’ stato un grosso ostacolo per me e mi ha causato grandi sofferenze.
Stanley Weiser: Pensi che ricinoscere questo sia il mezzo per accelerare il processo?
Steven Seagal: Lo spero.
Stanley Weiser: Che tipo di meditazione pratichi?
Steven Seagal: Pratico la “ngondro” ed il guru yoga; è una bella forma di meditazione per me. Ho anche alcune pratiche segrete che ho il potere di fare.
Stanley Weiser: Pratichi le prostrazioni?
Steven Seagal: Le prostrazioni sono la cosa che preferisco al mondo. Al momento sto cercando di semplificare tutte le pratiche esaltate che sono probabilmente fuori della mia portata, tutti i tantra che ho cercato di imparare, e cerco di concentrarmi sul bodhicitta. Ogni volta che divento troppo esoterico nel regno del tantra mi perdo un po’. Poi ritrovo la saggezza dei miei maestri quando dicono di tornare agli inizi e concentrarsi sul bodhicitta. Non sono un essere completamente realizzato, non sono un grande lama, non ho nessuna grande pratica, sono una persona molto semplice che cerca di raggiungere le prime basi e le più semplici pratiche di un bodhisattva. Comincio ora a praticare umili memorizzazioni, meditazioni e preghiere.
Stanley Weiser: Per quanto pratichi?
Steven Seagal: Non ho dei tempi particolari. Non tengo conto di quanto esattamente pratico, ma posso dire che di solito sono due ore la mattina e due la sera
Stanley Weiser: Nell’indaffarata vita del cinema, nel caos e nell’ego incerto, dove trovi il tuo senso di equilibrio? Come riesci a mantenere il tuo posto in quel mondo?
Steven Seagal: Non mi importa davvero cosa la gente pensi o dica di me. Se mi chiedi cosa mi solleva e facilita il samsara, rispondo il Guru Rinpoche, il Buddha e tutti i protettori, dakas e dakanis. Vado avanti in questa città e do quel poco di cui sono capace.
Stanley Weiser: A quali altri progetti ti stai dedicando?
Steven Seagal: Voglio riuscire a sfamare i bambini malati che muoiono di fame in Tibet. Voglio lavorare a progetti dedicati principalmente ai bambini ammalati ed affamati. Stiamo anche cercando da un po’ di fare qualcosa per le persone con problemi agli occhi in Tibet. Molti monasteri hanno bisogno d’aiuto. Quando quella rivista disse quelle cose inesatte sui miei maestri, quello che però non hanno detto è che io ho sempre donato grosse somme di denaro a molte organizzazioni religiose. L’ho fatto in segreto, ma sembra che ciò che noi chiamiamo stampa non crede sia proficuo scrivere di buone azioni. Preferiscono le cattive notizie, anche se devono crearsele da soli.
Steven Seagal

Stanley Weiser: In parte credo sia la loro incapacità di riconciliare la tua immagine sul grande schermo con la tua immagine di persona spirituale.
Steven Seagal: Recitare è un’arte. Almeno così si suppone. Uno dei miei maestri mi disse che l’arte è la madre di tutte le religioni; diventando tutt’uno con noi stessi e la natura, si diventa tutt’uno con Dio. Non dico certo che io sono un grande artista, probabilmente sono un artista mediocre, ma il punto è che tramite questo veicolo ho potuto diffondere il Dharma ed aiutare altri istituzioni religiose nel mondo, da quelle ebree a quelle cattoliche e hindu.
Stanley Weiser: Cosa fai con tutta la rabbia non controllata che viene dal lavorare in questo ambiente da coltellate alle spalle. Come buddista come affronti la cosa?
Steven Seagal: Sono un essere umano: se ferito, sanguino come tutti gli altri. Quando succede è meglio portare i tuoi problemi nella pratica. Superando rabbia, dolore e attaccamento diventiamo più forti; portando tutto questo difronte ai buddha, ai protettori, ci si purifica.
Stanley Weiser: Il tuo personaggio è quello del nobile duro che protegge gli innocenti da gangster, spacciatori e terroristi. Quando reciti sei forzato ad affrontare la violenza con la violenza. Quando ti rivedi sullo schermo, come concili la carneficina con lo stile di vita di un uomo che pratica gli insegnamenti della compassione e della non violenza?
Steven Seagal: Beh, non credo che uno abbia direttamente a che fare con l’altro. Penso che l’arte imiti la vita e la sua funzione dovrebbe essere una perfetta ed accurata interpretazione di come la vita è realmente, in tutte le sue emenazioni. Sono un artista che cerca di perfezionare le sue capacità, ma allo stesso tempo io ho delle idee riguardo la violenza. Ero sotto contratto con la Warner Brothers e non potevo reciderlo. Quello che volevano da me erano film d’azione. Altre case mi avevano offerto grosse somme di denaro per girare film di diverso tipo e la Warner non me lo ha lasciato fare. Ora che sono fuori da quella situazione avrò la possibilità di fare i film che vorrei veramente, certamente con contenuti spirituali, che invitino la gente alla contemplazione e che offrano loro gioia.
Stanley Weiser: OK, un’ultima domanda. Riconoscendo l’inseparabilità di samsara e nirvana, quale diresti sia il lato migliore e quello peggiore dell’essere Steven Seagal?
Steven Seagal: Lo sai, sono cresciuto con lo Zen e non guardo alla mia vita in termini di migliore o peggiore
Stanley Weiser: Chiedevo da un punto di vista relativo.
Steven Seagal: La cosa di cui sono maggiormente grato sono i maestri che mi hanno permesso di avere quel poco di conoscenza e saggezza che mi fa continuare a respirare. Sono grato per la possibilità che ho sullo schermo di portare gioia e felicità alla gente e per quella che spero avrò in futuro di portare le persone alla via della contemplazione. Come cose peggiori, considero i miei peggiori nemici e le mie peggiori sofferenze i miei più grandi maestri. C’è sempre un altro lato in queste forze negative
Stanley Weiser: Grazie di cuore.
Steven Seagal: Grazie a te.